Missionari della Via

Missionari della Via

sabato 30 dicembre 2017

Casa di accoglienza per minori immigrati

Quest'anno il Signore ha bussato alla porta della comunità interpellandoci con l'emergenza migranti e così è nata Casa Mosè, una casa di accoglienza per minori non accompagnati che si prefigge di essere una famiglia per tanti giovani che qui sono senza famiglia...



Perché abbiamo scelto di accogliere gli immigrati?

Sapete da sempre che noi missionari consacrati viviamo poveramente e non accettiamo donazioni in denaro. Da anni il Vangelo ci chiama ad annunciare Gesù e cerchiamo di accoglierLo anche negli immigrati proprio perché in questo tempo abbiamo sentito l’eco di una voce a noi nota: “Ero forestiero e mi avete ospitato” (Mt 25,35). Oggi gli immigrati non sono molto di moda, perciò Gesù si è nascosto bene in loro!
Il primo figlio immigrato della nostra missione è il nostro fratello Cristopher che si è inserito nella comunità dei laici e continua un percorso di avvicinamento a Cristo che aveva già iniziato in Nigeria come cristiano–cattolico ma che lo ha portato ad aprirsi alla verità di sé e della fede sempre di più. Siamo felici perciò di intercettare Gesù in loro! Da qualche mese con la comunità dei laici abbiamo aperto una casa famiglia per minori a Prunella di Melito Porto Salvo per aiutare più concretamente questi fratelli e accoglierli come dono. La casa come per legge è sovvenzionata dallo stato che manderebbe alla struttura dei sovvenzionamenti per loro, fino ad ora non ci sono stati sovvenzionamenti perciò la provvidenza ci ha assistito prodigiosamente con aiuti di vario genere, anche perché la comunità dei laici aiutando diverse persone non avrebbe potuto sostenere questa grande avventura di fraternità! Grazie a tutti coloro che ci stanno aiutando in vari modi e con l’inventiva di Dio che non si stanca mai di stupirci! Noi infatti vogliamo fare loro accoglienza e per essere tale deve partire dalla gratuità. Lo stato sovvenziona coloro che lavorano e il mantenimento dei ragazzi perché sono minorenni, ma sia i volontari della comunità che operano attivamente sia i ragazzi che lavorano hanno come principio comune Cristo Gesù e per questo lo stile che ci prefiggiamo è quello di una convivenza come in una grande famiglia. Speriamo di trasmettere a questi nostri fratellini forestieri, con la presenza di laici cristiani, la libertà che Cristo ci ha donato e soprattutto la fraternità fra popoli e religioni. Noi Missionari cerchiamo di trasmettere ai laici della comunità quello che noi viviamo rispetto ai beni che si chiama provvidenza e gratuità nel servizio. Siamo lieti di sapere che nelle varie fraternità di Lamezia Terme (dov’è nata la comunità), ma anche fra le file di altre piccole realtà della comunità (come a Prunella di Melito Porto Salvo), ci sono diversi laici che hanno imparato la gratuità e diverse persone che si aiutano a vicenda sostenendosi materialmente e con il lavoro condiviso e si aiutano diverse famiglie in difficoltà con generosità. Preghiamo perciò per i laici della comunità che si apprestano ad operare cristianamente con gli immigrati perché possano essere assistiti dallo Spirito Santo e chiediamo preghiere anche per noi missionari affinché possiamo sostenerli spiritualmente ed essere una presenza edificante per i ragazzi! A tutti i laici auguriamo, alla luce del giudizio misericordioso e giusto di Dio (cf. Mt 25,31-46), che incontrino tanti “poveri Cristi” che li scomodino, bisognosi di essere aiutati materialmente e spiritualmente, e possano essere un richiamo di Dio per loro che gli sussurra di uscire dal proprio egoismo…
Per la GRATUITA’!

PREGATE, PREGATE, PREGATE per noi tutti!

lunedì 18 dicembre 2017

Professione perpetua suor Stella -07 Dicembre 2017-

Con gioia abbiamo vissuto un momento comunitario bellissimo, durante il quale abbiamo potuto sperimentare la presenza di Gesù che ha consacrato attraverso le mani del vescovo la nostra sorella suor Stella e attraverso la celebrazione liturgica abbiamo colto i segni dell'amore grande che Dio ha per noi, primo fra tutti il sacrificio del suo corpo e del suo sangue. Ringraziamo di cuore tutti, soprattutto coloro che hanno partecipato con la preghiera anche da lontano e chiediamo preghiere per la nostra piccola comunità e soprattutto continuate a pregare per suor Stella e la sua perseveranza!