Missionari della Via

Missionari della Via

venerdì 14 gennaio 2022

Tempo di Natale

La gioia del Natale ha toccato i cuori, rallegrandoci in questo tempo di prova... Sono stati giorni intensi, vissuti in modo significativo grazie a momenti di fraternità, specialmente nelle celebrazioni eucaristiche, estendendo la gioia ai vicini e ai bisognosi grazie alla carità di tanti fratelli e sorelle.


Natale ci ricorda che Dio continua ad amare ogni uomo, anche il peggiore. 

A me, a te, a ciascuno di noi oggi dice: 

“Ti amo e ti amerò sempre, sei prezioso ai miei occhi” 

(papa Francesco).
























stampa la pagina

venerdì 31 dicembre 2021

Tempo di Avvento

Ringraziamo il Signore per questo tempo di preparazione al Santo Natale, periodo vissuto coltivando di più il rapporto con Lui nella preghiera, celebrando insieme l'Eucaristia, vivendo insieme a tutta la comunità la novena di Natale, con un'attenzione particolare agli altri, specie ai poveri... 
Un grazie speciale ai giovani del cammino di quest'anno che si sono impegnati generosamente...

"Due parole-chiave per il tempo di Avvento: vicinanza e vigilanza... Avvento è il tempo in cui fare memoria della vicinanza di Dio, che è sceso verso di noi. Egli vuole venire vicino a noi, ma si propone, non si impone; sta a noi non stancarci di dirgli: “Vieni!”... Facciamo nostra l’invocazione tipica dell’Avvento: «Vieni, Signore Gesù» (Ap 22,20)... Così, invocando la sua vicinanza, alleneremo la nostra vigilanza. Stare svegli non è facile, anzi è una cosa molto difficile: di notte viene naturale dormire. Non ci riuscirono i discepoli di Gesù, ai quali Lui aveva detto di vegliare “alla sera, a mezzanotte, al canto del gallo, al mattino” (cfr v. 35)... Ma anche su di noi può scendere lo stesso torpore. C’è un sonno pericoloso: il sonno della mediocrità. Viene quando dimentichiamo il primo amore e andiamo avanti per inerzia, badando solo al quieto vivere. Ma senza slanci d’amore per Dio, senza attendere la sua novità, si diventa mediocri, tiepidi, mondani. E questo corrode la fede, perché la fede è il contrario della mediocrità: è desiderio ardente di Dio, è audacia continua di convertirsi, è coraggio di amare, è andare sempre avanti. La fede non è acqua che spegne, è fuoco che brucia; non è un calmante per chi è stressato, è una storia d’amore per chi è innamorato!" (papa Francesco)



















 

stampa la pagina

mercoledì 15 dicembre 2021

Promesse dei laici della Comunità

L'otto dicembre, oltre a celebrare l'Immacolata, abbiamo vissuto un ulteriore momento di grazia e di intensa gioia: durante la santa messa i laici hanno fatto le promesse inerenti il loro cammino nella Comunità. Ringraziamo il Signore per i suoi benefici e chiediamogli il dono della perseveranza... 

"Voi siete anche, pur con i limiti e i peccati di ogni giorno – grazie a Dio, che siamo peccatori e che Dio ci dà la grazia di riconoscere i nostri peccati e anche la grazia di chiedere o andare dal confessore: questa è una grazia grande, non perderla! –, pur con questi limiti, voi siete un chiaro segno della vitalità della Chiesa: rappresentate una forza missionaria e una presenza di profezia che ci fa ben sperare per il futuro. Anche voi, assieme ai Pastori e a tutti gli altri fedeli laici, avete la responsabilità di costruire il futuro del santo popolo fedele di Dio. Ma ricordate sempre che costruire il futuro non significa uscire dall’oggi che viviamo! Al contrario, il futuro va preparato qui e ora, “in cucina”, imparando ad ascoltare e discernere il tempo presente con onestà e coraggio e con la disponibilità a un costante incontro con il Signore, a una costante conversione personale. Altrimenti si corre il rischio di vivere in un “mondo parallelo”, distillato, lontano dalle sfide reali della società, della cultura e di tutte quelle persone che vivono accanto a voi e che attendono la vostra testimonianza cristiana. Infatti, appartenere a un’associazione, a un movimento o una comunità, soprattutto se fanno riferimento a un carisma, non deve rinchiuderci in una “botte di ferro”, farci sentire al sicuro, come se non ci fosse bisogno di alcuna risposta alle sfide e ai cambiamenti. Tutti noi cristiani siamo sempre in cammino, sempre in conversione, sempre in discernimento" (papa Francesco)
















stampa la pagina

martedì 14 dicembre 2021

Incontro a Santa Maria dell'Anima

Domenica 5 dicembre padre Faustino con la comunità ha incontrato tutti i laici di Napoli nella Chiesa di Santa Maria dell'Anima.

«“Camminare secondo lo Spirito”, “lasciarsi guidare” da Lui. Sono espressioni che indicano un’azione, un movimento, un dinamismo che impedisce di fermarsi alle prime difficoltà, ma provoca a confidare nella «forza che viene dall’alto» (Pastore di Erma, 43, 21). Percorrendo questo cammino, il cristiano acquista una visione positiva della vita. Ciò non significa che il male presente nel mondo sia come sparito, o che vengano meno gli impulsi negativi dell’egoismo e dell’orgoglio; vuol dire piuttosto credere che Dio è sempre più forte delle nostre resistenze e più grande dei nostri peccati. E questo è importante!... Questo “camminare secondo lo Spirito” non è solo un’azione individuale: riguarda anche la comunità nel suo insieme. In effetti, costruire la comunità seguendo la via indicata dall’Apostolo è entusiasmante, ma impegnativo» (papa Francesco)












stampa la pagina